IMBALLAGGIO DI BATTERIE

E’ stata rilevata di recente la possibilità che parte degli incidenti che vedono coinvolti i mezzi aerei siano da attribuire alle batterie. In particolare, quelle al litio. Questo tipo di batterie, ampiamente utilizzato per la particolare resistenza nel tempo, si trova facilmente nei cellulari, nei lettori musicali, nei computer, nelle stampanti e nel resto delle apparecchiature tecnologiche ideate negli ultimi anni.
La caratteristica preoccupante consiste nel fatto che queste batterie sono potenzialmente a rischio di cortocircuito e incendio. In caso di caduta, urto o cortocircuito, queste batterie possono surriscaldarsi e incendiarsi e, una volta che prendono fuoco, può risultare particolarmente difficile spegnerle; sono quindi pericolose in caso di incendio soprattutto se in volo.
Tutto questo, ha portato all’introduzione di norme più severe nel trasporto di batterie. Per il trasporto aereo, dal 1 gennaio 2013, sono state apportate modifiche significative alla spedizione di batterie al litio
. L’anno scorso si faceva distinzione tra batterie «exempted» e «fully regulated» ora avremo un terzo caso, per il quale occorrerà porre sull’imballaggio sia l’etichetta di classe 9 che l’etichetta posta sulle batterie esenti. Le PI 965 e 968, che indicano rispettivamente le prescrizioni per le spedizioni aere per le batterie al litio ionico (UN 3480) e metallico (UN 3090), sono state divise con l’edizione 2013 in tre sezioni (Section IA, Section IB e Section II).

0
Gli ultimi incidenti sui modernissimi Boeing 787, che hanno coinvolto le batterie al litio installate a bordo, hanno inoltre spinto l’ICAO a modificare con procedura di urgenza la Special Provision A51, che permetteva di spedire su aerei passeggeri batterie per aeromobili di peso superiore a quello consentito dalla normativa (le stesse batterie al litio responsabili di tali incidenti). La IATA ha prodotto come conseguenza l’Addendum II che modifica il testo dell’A51 impedendo il trasporto di tali batterie su aereo passeggeri.

Le batterie al litio sono un argomento molto complesso! Per poterle classificare e preparare al trasporto nel modo più adeguato è necessario, innanzi tutto capire se si tratta di batterie o celle (molto spesso le celle nel linguaggio comune vengono chiamate erroneamente batterie). In secondo luogo, in base alle caratteristiche delle celle/batterie, si devono classificare secondo la corrispondente normativa di trasporto. Anche le batterie in esenzione (della sezione II) richiedono l’applicazione di un etichetta sul collo e la compilazione di un documento specifico, oltre a determinate frasi da inserire nell’Air Waybill. La Normativa richiede che chiunque maneggi batterie al litio riceva un’istruzione adeguata in questo campo commensurata alle sue responsabilità.